martedì 29 novembre 2011

Anteprima: Probabile nuova miniserie...noir

Ve la propongo anche qui...Ma se questa serie proseguirà, le prossime puntate potrete seguirle su:
 "Dunque, difficile iniziare il discorso... diciamo che "in famiglia" non sempre ci si capisce bene (ma voi capite bene "ammè") si lasciano pizzini con le cose da fare nella giornata e.... chi deve compiere queste semplici operazioni non "accapisce" mai quel che è scritto o che vien detto... ma proprio "ammia" doveva capitare un picciotto del nord?" (...ora spiego: questo potrebbe essere un esperimento per una nuova "miniserie" di strisce più o meno similnoir. Ancora non hanno un nome, ma il gioco è chiaro: tentare di ironizzare sui termini maggiormente usati nei romanzi noir. Spero possa piacervi e strapparvi un sorriso e mi raccomando: fatemi sapere cosa ne pensate)

 ©  2011 Testo disegni e colori di Daniele "tarlo" Tarlazzi

domenica 27 novembre 2011

Footing

Viviamo la vita correndo tutto il giorno e a fare footing nemmeno mi piace...
(la vignetta risale al lontano 1986 e visto il tema mi sembrava adatta alla bisogna) :-)
Footing © 1986 - 2011: testo disegni e colori Daniele "tarlo" Tarlazzi  
 

venerdì 25 novembre 2011

Fantasmi a Ravenna? Ecco che arrivano i Ghostbusters!

Ci mancavano solo i fantasmi a Ravenna... speriamo almeno incrementino il turismo. Riporto un articolo apparso sul Resto del Carlino.
 (da il Resto del Carlino)

Ombre furtive che spariscono nel nulla, rumori impercettibili, gemiti quasi; oppure odori improvvisi e, apparentemente, senza una fonte evidente; niente paura, se il sospetto è di avere a che fare con fenomeni inspiegabili, o addirittura fantasmi, basta contattare la National Ghost Uncover, associazione nata alla fine del 2010, con sede a Riccione e Forlì, proprio con l’obiettivo di indagare ciò a cui non si riesce a dare una spiegazione razionale. «Non siamo cacciatori, ma ‘scovatori’ di fantasmi» sottolinea il presidente Massimo Merendi, forlivese con origini ravennati. E chiarisce subito che l’associazione non si occupa di medium, sedute spiritiche o «cose del genere».

Lavora invece con scrupolo e metodo sulla base delle segnalazioni che arrivano da chi si trova, o crede di trovarsi, di fronte a dei fantasmi. «Perché — osserva Merendi — c’è chi i fantasmi li ha dentro di sé, chi li vede ovunque, e chi invece può realmente trovarsi di fronte a fenomeni dalla non facile interpretazione». Ecco allora che arrivano loro, veri e propri ghostbusters pronti a intervenire, in squadre da quattro o cinque persone, là dove il dovere, o il soprannaturale chiama. E infatti ieri Massimo Merendi, che è anche presidente dell’associazione Romagna Stati Uniti, è arrivato a Ravenna insieme all’amico e collega ghostbuster Vanni Landi, di professione musicista. Entrambi in missione per scovare questa volta un fantasma ravennate. Hanno effettuato due sopralluoghi, uno in via Guaccimanni, l’altro in piazza del Popolo.

«Abbiamo ricevuto le segnalazioni — spiega Merendi — da parte di due amici di Ravenna. In uno degli edifici faremo un sopralluogo interno, perché abbiamo avuto il consenso dei proprietari, nell’altro ci limiteremo all’esterno. Si tratta in entrambi i casi di edifici privati». E non è tutto. A rendere ancora più interessante la questione sarebbero le generalità di uno dei due fantasmi in questione, su cui Merendi però preferisce, al momento, non sbilanciarsi. «Potrebbe trattarsi — anticipa — di un personaggio non ravennate, ma che con questa città ha avuto molto a che fare nei tempi antichi».

Gli impavidi ghostbuster ieri sono dunque partiti con il loro primo sopralluogo ravennate armati di apparecchiature in grado di rilevare mutamenti impercettibili di calore o suoni. «Certo — conclude Merendi — i nostri strumenti non sono così sofisticati come quelli dei nostri colleghi americani con i quali ci incontreremo il prossimo anno».

Annamaria Corrado - Il Resto del Carlino
 
 
 

martedì 22 novembre 2011

Una ristampa di Zagor?

Da molto molto tempo il popolo "bonelliano" chiede a gran voce una ristampa integrale di Zagor, uno dei personaggi storici editi da Sergio Bonelli Editore.
Sergio Bonelli, quando gli si chiedeva di realizzare il sogno dei fan, rispondeva tristemente spiegando che il mercato non avrebbe risposto bene ad una simile iniziativa.
Gli appassionati però non perdevano mai occasione di tornare alla carica tornando con insistenza sull'argomento in ogni occasione in cui fosse possibile confrontarsi con Bonelli tanto che, negli ultimi tempi, anche il buon "Sergione" non si mostrava più così pessimista.

Ora pare (ma prendete la notizia con le dovute cautele) che la possibilità di rileggere le avventure dello Spirito con la scure, prenda forza giorno dopo giorno e che la speranza di rileggere gli albi di Zagor dal numero uno, stia per diventare una realtà

Attendiamo quindi con speranza, la conferma dell'iniziativa che, oltre a rendere felici migliaia di appassionati, renderebbe omaggio all'editore e all'uomo che più, in Italia, ha saputo interpretare i sogni e i desideri dei propri lettori.

Nella foto: Arthur Serpis - Omaggio a Zagor ©1994 - 2011: testo disegni e colori Daniele "tarlo" Tarlazzi 

lunedì 21 novembre 2011

Bentornati o...Benvenuti

Avrei voluto iniziare con "Allora...", ma iniziare una chiacchierata con quella parola mi è parso un po' inopportuno. Ancora non so chi visiterà questapagina, anche se mi auguro che oltre ai bloggers del tempo che fu (amici conosciuti ai tempi di Splinder, che come molti sapranno sta per cessare la sua esistenza), possano aggiungersi nuovi visitatori.
Ai "vecchi" amici un ben ritrovati e un benvenuto ai nuovi che si apprestano a visitare le pagine di questo blog.
Il "vecchio" Vita da Tarlo" conteneva racconti, fumetti (questi ultimi hanno gia trovato "ricovero" nelle pagine de "I Tarlo Fumetti"), recensioni, sfoghi e mercanzia simile, il nuovo "Vita da Tarlo" conterrà più o meno le stesse cose.
Ancora non so se riuscirò a recuperare l'archivio della piattaforma Splinder, in caso contrario cercherò comunque di riproporre qualche momento "Amarcord".
Chi o cosa sono non è così importante e comunque lo trovate scritto da qualche parte, sappiate che sono lieto di conoscervi o di ritrovarvi. Benvenuti o.... bentornati!

Diario di viaggio "il romanzo"

Diario di viaggio: capitolo 1 Giorno prima della partenza. Avere avuto una moglie di un certo tipo, avrebbe dovuto condizionare la vi...