lunedì 27 marzo 2017

Meditazioni atte a evitare un "meccanicidio"

Ohmmm ohmmm ohmmm. Positività e calma, devo pensare a cose positive, immaginando magari l'alba e i suoi colori al sorgere del sole. Quel bel colore rosso. Rosso come il sole che nasce e come il sangue di quel meccanico incompetente che ha rovinato la vespa e che mi ha costretto a rivolgermi ad un altra officina e sborsare quasi 400 euro per riparare (e solo in parte) i danni causati dalla sua incapacità...
No, non funziona. Allora: ohmmmm, ohmmmmm la calma è la virtù, la pace e l'amore su ogni cosa. Il tramonto: focalizzo il tramonto, ma senza pensare ai colori o ritornerà alla mente il pensiero negativo. Immagino un albero al tramonto, i rami che si stagliano nei colori del tramonto, rami pieni di foglie e un cadavere appeso ad un grosso ramo: il cadavere è quello di un meccanico appeso per la testa: quel meccanico inetto che ha rovinato la mia vespa... 
Dai su basta! La meditazione serve ad allontanare i pensieri negativi. Devo respirare a lungo. Inalare aria per poi espirarla diminuendo le tensioni. Ooooohmmm, ohmmmm, ohmmmm.
Ecco: ora arriva l'immagine positiva: il mare calmo... una lieve brezza, barche all'orizzonte che lievi seguono l'energia del vento e le onde che, gentilmente, accarezzano la spiaggia con la loro spuma. 
Onde lievi e dolci che, grazie ad un abile gioco di correnti, portano a riva un cadavere... quello del meccanico incapace, che è affogato dopo aver rovinato la mia vespa...
(Continua?) 


Per l'immagine © Aventi diritto
Il testo è di proprietà dell'autore ne è vietata la riproduzione senza esplicita autorizzazione

Nessun commento:

Posta un commento