venerdì 6 ottobre 2006

Diario di un Tarlo qualunque: Il risotto indiano

Una breve premessa: Ogni riferimento a cose, persone è puramente "casuato".

Parte dei fatti che racconterò sono realmente accaduti.


Agli appassionati di cucina ricordo che alcuni ingredienti sono stati volutamente tralasciati in quanto la ricetta completa deve e dovrà restare segreta.

Ricordo inoltre che la preparazione è lunga e complessa e che per gustare questa pietanza occorrono anni di meditazione zen ed esperienza.


Innanzitutto occorre svegliarsi con una gran voglia di gustare un piatto di tortellini alla panna e funghi.

Come ben si sa, i tortellini panna e funghi assomigliano assai poco al riso all'indiana ma come dice il saggio: "Non è importante cosa e come si mangia, l'importante è essere felici di mangiare...purchè si tratti di tortellini panna e funghi".


Comunque per far somigliare i tortellini alla panna al risotto basta pochissimo: occorre semplicemente  uscire di casa, recarsi ad un alimentari ed inviare a "colui che mangerebbe un vitello se tonnato al punto giusto", un sms con scritto "...e se invece dei tortellini facessimo un risotto?"

Il gioco è fatto.

Come per incanto la speranza di gustare la famosa pietanza nata nel bolognese assume una sembianza orientale...


Ora tutti sanno che per fare un risotto indiano occorrono vari ingredienti quali:


1) Riso

2) Mele

3) Ananas

4) Gamberetti

5) Curry

6) Acqua

7) Peperoncino

8) un Disidratatore

9) un paio di Forbici


Come anticipato la preparazione è assai difficile, quindi vi chiedo di seguirmi con estrema attenzione.

Innanzitutto occorre mondare il riso e scegliere solo i chicchi migliori e questo non è possibile farlo comprando una scatola, ma occorre recarsi PERSONALMENTE in una risaia.

Una volta scelto il riso migliore, bisogna scegliere la miglior qualità di mele e l'ananas più bello, poi tritare l'ananas, le mele e gli altri (segreti) ingredienti in modo fine.

Terminata l'operazione occorre uscire nuovamente di casa per pescare i famosi gamberi del fiume Gange.

I gamberi appena pescati, andranno poi lavati nel bicarbonato di sodio e in seguito bolliti.
Ora occorre miscelare (e qui è in gioco la sapienza culinaria) le giuste quantità di ingredienti ed aggiungere il curry.


A questo punto, procuratevi un disidratatore e lasciate disidratare alla perfezione il tutto. Una volta disidratato il composto, mettete circa 750 ml di acqua fredda nel composto e mescolate, poi portate a bollore e lasciate cuocere per circa 15 minuti; prima di servire in tavola unite al risotto un filo d'olio d'oliva crudo o una noce di burro.


...Ma dico io, non era più semplice prendere un paio di forbici ed aprire

una busta di risotto pronto della Knor?



scritto nel mese di Settembre 2003 rivisto in Ottobre 2006

Daniele "tarlo" Tarlazzi

19 commenti:

  1. No no no no i cibi pronti sono privi di sapore, sono finti, pieni di coloranti, di conservanti e poi chissa cosa ci mettono in mezzo :D

    Baci,

    Mola

    RispondiElimina
  2. .....ovviamente volevo firmare Mila ;)

    RispondiElimina
  3. no

    viva il risotto!!!!

    RispondiElimina
  4. Dovrei chiedere alla mia amica esimia professoressa Dada Knorr.

    RispondiElimina
  5. ..io avrei cucinato i tortellini...

    preso la forbice...

    e tagliuzzato i tortellini.... a forma di chicco....

    .. ^^



    B. W. E. Tarlo

    RispondiElimina
  6. @Le1chatnoir:Ciao Mila. Hai ragione, i cibi pronti hanno tutti lo stesso sapore probabilmente a causa delle troppe spezie usate per mascherare il vero sapore... però son comodi e quando hai pochi minuti di tempo... anche 4 salti in padella sono benvenuti



    @Giarre.Si viva il risotto anche se in realtà non lo faccio spesso... troppo tempo da perdere ma se devo cucinare per qualcuno allora...



    @Pralina: Chiedi chiedi :-D



    Tarlo

    RispondiElimina
  7. @AngeloC: non ci avevo pensato... sarà per la prossima volta :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  8. bhe vuoi mettere un piatto che sia risotto o altro, preparato da se e con amore a una pietanza insipida già pronta in busta, non c'è paragone..

    RispondiElimina
  9. Hai ragione! Tanto più che per fare il riso indiano, bisogna recarsi in una risaia INDIANA. Ma perchè invece del risotto indiano, non ci si fa un bel risotto ai funghi porcini nostrano? Le risaie son qui vicino, i funghi ora crescon come.... funghi, appunto, e quindi si fa moooooolta meno fatica. Quando è pronto ti chiamo! Mi raccomando togliti la maschera quando arrivi! :-)

    RispondiElimina
  10. @Exodus: Difatti... il risotto indiano in realtà era in busta ;-)

    Ma si sa a volte anche una busta può essere preparata con sentimento ;-)

    Però preferisco cibi da preparare e non disidratati ma non sempre c'è il tempo di farli



    @Zidora: Il risotto ai funghi lo faccio anche piuttosto bene (so che in questo momento posso sembrare immodesto) ma davvero mi riesce benino :-)



    Tarlo

    RispondiElimina
  11. Io voto senz'altro per i tortellini alla panna e funghi, senza tagliuzzarli!!!

    Si potrebbero fare anche le tagliatelle alla panna e funghi oppure le penne alla panna e funghi... sul riso alla panna e funghi invece ho qualche riserva, ma il riso ai funghi è decisamente ottimo!

    In ogni caso, se mi sono svegliata con la voglia di tortellini alla panna e funghi mi sa che me la devo togliere!!! ;))

    RispondiElimina
  12. monicamarghetti8 ottobre 2006 02:34

    sono un drago nella produzione di pasta fresca fatta in casa e adoro fare il risotto in tutte le maniere ma lo manteco fino alla fine mi vengono da leccarsi i baffi:)

    ciao Tirlino mony è tornata sei contento?

    un bacioso

    notte anzi buon lavoro

    RispondiElimina
  13. naaaaaaa..... ma butta riso, piselli e fave.... e sei a posto!

    RispondiElimina
  14. monicamarghetti8 ottobre 2006 14:13

    ma dico io son tornata e manco un bacetto:(((

    buona domenica Tarlino ma in quale comodino ti sei infilato???

    mony

    RispondiElimina
  15. @Cartrige: Allora mangiati i tortellini?



    @Monica: Bentornata. Allora che tu sia un drago nella preparazione della pasta devo ancora provarlo ;-) (questa è una sfida mia cara)



    @Grigietta: Cioè butto via il cibo? Beh giusto visto che dovrei stare a dieta ;-)



    @Monica: Sono appena tornato da Sassuolo, un pranzo con gli amici del Diabolik club che... beh magari ve lo dico tra poco (o domani) in un post... Diciamo che mi hanno fatto una gran bella sorpresa :-)

    Un bacetto.



    Tarlo

    RispondiElimina
  16. monicamarghetti8 ottobre 2006 21:04

    ma è bellissimo!!

    poi ci racconti adesso devi riposare!

    grazie del bentornata:)

    ti voglio bene

    bacio

    monica

    RispondiElimina
  17. monicamarghetti8 ottobre 2006 21:05

    e comunque accetto la sfida della pasta e del pinnacolo:)

    RispondiElimina
  18. Mi mancavano la panna, i funghi e... i tortellini! Ho mangiato gli gnocchi, fa lo stesso? :))

    RispondiElimina
  19. @Monica: Buongiorno. Ho riposato e aspetto che si realizzino sia la sfida della pasta che del pinnacolo :-D



    @Cartrige: Osto... buoni gli gnocchi.li amo li adoro...



    Tarlo

    li

    RispondiElimina