mercoledì 19 aprile 2006

Confessioni di un malandrino

Attenzione, questo post ha il bollino rosso. Invitiamo quindi i bambini con età inferiore a 48 anni ad astenersi dalla lettura se non accompagnati da un genitore o da chi ne fa le veci: La lettura di questo post è consigliata ad un pubblico quasi adulto.



CONFESSIONI DI UN MALANDRINO


Scusate il titolo (citazione di un vecchio album di Angelo Branduardi) ma effettivamente, a raccontare certe cose, non posso che definirmi "malandrino".


Qui si parla di ciò che di notte accade ove nessuno, tranne il gatto, può entrare. 


Durante il giorno, la tarlica giornata si svolge in modo tranquillo e "normale", chiacchiere virtuali, lavoro, discussioni, mansioni domestiche e dialoghi con "Colei che collabora alla gestione del gatto". Certo è assolutamente normale che in ogni vita di coppia il bel tempo si alterni a temporali ma, per citare altre canzoni, ...la notte no.


Se il giorno scorre placido, di notte, tutto cambia: il letto diventa un ring. Per un sonno sereno, si sa, esistono regole non scritte che vanno assolutamente rispettate dall'"avversario":


1) Di notte è vietato  rubare le coperte alla povera ed infreddolita vittima e viceversa soprattutto in pieno inverno.


2) Di notte è vietato torturare a calci al compagno di stanza perchè "volevo essere convinta che respirassi ancora"  ed è altrettanto vietato mazzuolare il compagno di stanza perchè "la tua pancia faceva troppo rumore".


3) Sarebbe vietato, di notte, spaventare l'avversario alzandosi di colpo sul letto alle 3 di notte, affermando con sguardo cattivo e convinto che serve subito una bicicletta nuova perchè altrimenti non si va avanti, ripiombando poi sul materasso con violenza. Ho una certa età certe cose fanno paura...


Vi garantisco che fa una certa impressione anche alzarsi pieno di lividi nelle gambe.


Chiedo spiegazioni a  "Colei che durante la notte sfoga su di me tutta la sua primitiva violenza" e prontamente ecco la giustificazione a questi criminosi atti di violenza domestica: "Ti ho dato solo un paio di "piccoli e teneri" calci perchè non smettevi di russare". 


Ma come, io finalmente riesco ad addormentarmi dopo una notte passata ad ascoltare di biciclette notturne da acquistare in tutta urgenza o ascoltando altre frasi prive di  senso logico e tentando di recuperar coperte evitando cazzottoni degni di Mike Tyson e tu mi accusi di russare? Questo non posso accettarlo, da qui la necessità di fornirvi una "confessione" spontanea.


Sappiate che in realtà io NON russo, io faccio le fusa!


Tarlo

10 commenti:

  1. micionetarlone!!! Massima solidarietà, l'altro ieri Stefi in 20 secondi mi ha infilato due volte una mano a taglio nell'occhio sinistro. dormendo.

    RispondiElimina
  2. Tirannoz: Siamo vittime della violenza femminina (naturalmente scherzo) :-DDDDD

    RispondiElimina
  3. La notte scorsa al russare di "colei che ha dato i natali alla nostra comune prole" si sono aggiunti i calcetti della prole stessa, che promette assai bene in fatto di mazzate notturne. Per fortuna non dorme con noi troppo spesso. Teeeneeeraaa...

    RispondiElimina
  4. Io, invece, non scherzo per niente. Ieri notte avevo mia figlia nel lettone, tra me e mia moglie. Mi sono svegliato con i suoi talloni nei miei lombi.

    RispondiElimina
  5. Se non si fosse capito, il primo messaggio l'ho spedito e non riuscivo a visualizzarlo, quando ho postato il secondo sono apparsi tutti e due. Il secondo annulla il primo ed il terzo spiega il secondo. Sono stato abbastanza contorto?

    RispondiElimina
  6. Radiofax: forse avrai avuto lividi da talloni sui lombi, ma vuoi mettere la tenerezza? :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  7. monicamarghetti20 aprile 2006 10:47

    Fantastico il post!!!

    Ma tu sei davvero simpatico da matti!

    io non russo..faccio le fusa è una frase grandiosa (rido) eheheheheh

    buongiorno

    monica

    RispondiElimina
  8. Chi russa non si rende conto. Perche' dorme. Esistono russi e Russi. Dorimire con un bella cosacca...



    Io invece trituro i denti mentre dormo...

    RispondiElimina
  9. Monica: Grazie per i complimenti, arrossisco sempre più :-)

    La frase è reale e non di fantasia: l'ho davvero detta a "Colei che condivide le bollette di casa". :-)



    Cody: He he he... però triturare i denti è peggio... per chi li tritura intendo. Credo ci siano speciali protezioni in gomma. :-)



    RispondiElimina
  10. Ho provato. Sono in resina. Non riesco a tenerle ç________ç



    Non riuscivo a dormire... o il sonno o i denti....

    RispondiElimina