mercoledì 29 marzo 2006

Pensieri polemico/musicali

Oggi sono polemico!


Non me ne vogliano i miei due lettori se, nelle prossime righe, potrò offendere i gusti musicali di qualcuno, ma...quando è troppo è troppo!


Sono reduce (se così si può dire) da una visita presso il reparto cd di un noto centro commerciale dove, posizionati in modo assai audace e ben visibile noto i seguenti cd:



Patrizia Pellegrino: "Patrizia è" (costo circa 10 euro).



Orlando Portento: "Triccheballacche: La cammellata" (poco meno di 4 euro) e, giusto per percorrere il tema, una "TRICCABALLAC COMPILATION" che vede protagonisti Leone di Lernia e altri nomi noti dell'italico Cabaret (di cui vi mostro la copia fotostatica della copertina)



Per concludere, in offerta a meno di 6 euro, il "cult" dei "cult": ovvero:



Si vive una volta sola di Loredana Lecciso.


Chiaro che, davanti a tanta "meraviglia musicale", un povero Tarlo si senta brutalmente bastonato.


I discografici si lamentano che la musica è in crisi, che la musica non si vende, che è difficile proporre cose che possano accontentare i gusti del pubblico...


Certo che è difficile accontentare i gusti del pubblico se, a prezzo popolare, mi vendi esclusivamente i dischi di una Patrizia Pellegrino che, per quanto carina e simpatica possa essere, nulla a che vedere con il mondo della canzone, certo che è impossibile riuscire a raggiungere apprezzamenti della critica quando a "cantare" è un "Portento" dello spettacolo o una Lecciso che strilla "Guardami negli occhi, guardami nel cuore, ogni donna ha il suo dolore..."


Questa è la "vera crisi della discografia". Produrre questo tipo di dischi forse è utile perchè aiutati da una grande pubblicità televisiva che consente di tenere prezzi bassi e popolari e che garantisce ai discografici molto guadagno ma che non consente certo la stessa visibilità ad altri artisti che forse (a mio avviso naturalmente) avrebbero maggior merito.


La discografia è in crisi dicevamo: la musica muore e la lasciamo morire nell'indifferenza generale di media, radio e tv. un "piccolo" esempio? Il festival della canzone italiana che, invece di promuovere canzoni, negli ultimi anni si è trasformato in un mercato di promozioni cinematograficosportivelibrarie che poco ha da spartire con il mondo delle sette note. 


Per concludere: quando vedo che giovani gruppi emergenti o grandi talenti musicali vengono ingiustamente penalizzati a causa di questa "crisi", ingiustamente sacrificati sull'altare del guadagno a fronte di operazioni "fintomusicali", io (che faccio parte del pubblico pagante) mi arrabbio e mi permetto di gridare: "Meno pattume musicale sugli scaffali, maggior coraggio nel produrre nuovi artisti!"


Scusate lo sfogo.


Tarlo






20 commenti:

  1. Vacci se hai ragione Tarlone!!!



    40mgxml

    RispondiElimina
  2. 40mgxml: Grazie :-)

    RispondiElimina
  3. Perché Patrizia Pellegrino costa più degli altri? E' un'ingiustizia! (Quest'ultima esclamazione è da recitare con voce in falsetto e lucido da scarpe in faccia)

    RispondiElimina
  4. Radiofax: Posso, come pubblico pagante, ridere a crepapelle a questo tuo commento? :-D

    Tarlo

    RispondiElimina
  5. Dopo le risate (sono 5 euro, please), passiamo ad una proposta concreta. Da' un'occhiata a questo

    RispondiElimina
  6. Ma soprattutto: chi cavolo è Patrizia Pellegrino???

    RispondiElimina
  7. Alister: Ma come chi è Patrizia Pellegrino... Chi è Patrizia Pellegrino chiedi? Non so come dirtelo, ma... non lo so nemmeno io. ;-)

    RispondiElimina
  8. Cazzo! Hai citato i piu' sommi somari del rock :DDDD



    La musica non e' in crisi. Ha girato semplicemente le spalle al sistema mafioso discografico. LA MUSICA E' FUORI! (Fate un salto ai vari Diagonal / Ex-Machina/Velvet/Covo/Bronson)... o nei vari siti internet dei cantanti emergenti.



    La musica Italiana non e' mai stata cosi' fiorente e fresca come, forse, negli ultimi anni sessanta.... basta "ravanare" un po' e tenersi informati, lontano dalle major...

    RispondiElimina
  9. A questo punto ESIGO cmq una compilation dei tuoi ultimi acquisti, dal titolo "Musica per lavandini: per sciacquare i piatti uso questa!" :)



    (Sul serio... la voglio...)

    RispondiElimina
  10. e comunque, il fatto di vivere una volta sola non autorizza la lecciso a fare un disco...



    ciao tarlo!



    RispondiElimina
  11. Patrizia Pell ..... (mancamento)

    RispondiElimina
  12. Cody:So benissimo che la musica non è in crisi e che i talenti fioriscono come funghi, ma i talenti sono costretti ormai ad autoprodursi e autodistribuirsi con notevoli difficoltà...la stessa cosa accade nel mondo del fumetto. mah...

    Non potrei mai fare una compilation dal titolo "musica er lavandini..." per il semplice fatto che le canzoni che dovrei in essa inserire le vedo solo sugli scaffali, ma non l'acquisto. :-)

    Però l'idea di una trash compilation non è male...Amici miei, voi che canzoni inserireste ?



    Kiakkio: Ben tornato a casa! Hai ragione, per fortuna credo che quel disco non abbia poi venduto tanto...

    Prima o poi dovremo fondare una casa di distribuzione fumettistico/musicale... ma mancano gli "sghei"



    Daddun: Coraggio, hai avuto più o meno la mia stessa reazione. Il fatto è che la Pellegrino ha "ucciso" molte canzoni Napoletane.



    Tarlo

    RispondiElimina
  13. quello che è stupefacente Tarlo... è che ci sia qualcuno che li compra. capisci che se nessuno comprasse stà porcheria non la troveremmo in giro! :(

    RispondiElimina
  14. Sidgi: Eppure so per certo (almeno per quel che riguarda la traccheballac complilation) che sono in parecchi ad acquistarla...

    RispondiElimina
  15. @ Kiakkio: LOL!

    @ Sidgi: Tutti abbiamo dei parenti.

    @ Tarlo: "Extract from music for Lavandini"... io comincerei con...

    Italia (Mino Reitano)

    Piange il telefono (Domenico Modugno)

    Voglio andare a vivere in campagna (Toto Cotugno)

    Amici come prima (Paola e Chiara)

    Che tesoro che sei (Antonello Venditti)

    Salvami (Jovanotti)

    La vasca (Alex Britti)

    Tre parole (Valeria Rossi)

    Il ballo del qua qua (Romina Power)

    Fiumi di Parole (Jalisse)

    RispondiElimina
  16. Cody: miiii Paola e Chiara.... partite come sbarbatelle poi una trasformazione degna di un transformer :-DDD

    RispondiElimina
  17. bah........ semplicemente bah.......

    meglio che non dica nulla..... a me càpita che qualcuno mi chieda un mio cd.... ma debbo pagare io per produrmelo, dopo oltre trent'anni di studio e venti di professione, compresi in quelli dello studio.... e questi qua... ah... PP è una "sciougoerl" ossia una che non fa un c... ops una che fa tutto ossia niente... ma almeno è simpatica, mentre la Lecciso lasciamo perdere... siamo in crisi economica e poi si buttano via soldi così??? ma cpmprate il pane ed il latte per un povero allora!!! Last but not to last... triccheballacche???????? ma da dove l'hanno tirato fuori, dal seno della Cavagna ?????





    ... fortuna che ho detto "meglio che non dica nulla...."

    ..... bah...

    RispondiElimina
  18. Mi hai dato lo spunto per uno dei miei prossimi post...Altro che sparare a zero. Zero lo salviamo e abbattiamo la Pellegrino e i vari Triccheballacchi in circolazione!

    RispondiElimina
  19. Grigietta: capisco la frustrazione di chi, come te, magari desidera coronare un sogno di produzione... il prossimo post sarà proprio su questo argomento.



    Athena4: Felice di averti fornito spunti :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  20. @ Grigietta: Ma dai! Fammi sentire! Anch'io ho composto un album nel 99... ma e' una schifezza :P



    .Zonda

    http://7sundays.blogspot.com/

    RispondiElimina