lunedì 6 febbraio 2012

Giuramenti

Per fortuna abbiamo tanti bravi medici in Italia... capita però che a volte ci si imbatta in qualche "scariolante" (almeno per quel che si sente in televisione). Per fortuna sono casi abbastanza isolati, ma occorre sempre stare all'erta. Ogni tanto, occorre ricordare che i medici prestano giuramento: il giuramento di Ippocrate che dice più o meno così: 
" Giuro per Apollo medico e Asclepio e Igea e Panacea e per tutti gli dei e per tutte le dee, chiamandoli a testimoni, che eseguirò, secondo le forze e il mio giudizio, questo giuramento e questo impegno scritto: di stimare il mio maestro di questa arte come mio padre e di vivere insieme a lui e di soccorrerlo se ha bisogno e che considererò i suoi figli come fratelli e insegnerò quest'arte, se essi desiderano apprenderla; di rendere partecipi dei precetti e degli insegnamenti orali e di ogni altra dottrina i miei figli e i figli del mio maestro e gli allievi legati da un contratto e vincolati dal giuramento del medico, ma nessun altro.
Regolerò il tenore di vita per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio; mi asterrò dal recar danno e offesa.
Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, né suggerirò un tale consiglio; similmente a nessuna donna io darò un medicinale abortivo.
Con innocenza e purezza io custodirò la mia vita e la mia arte. Non opererò coloro che soffrono del male della pietra, ma mi rivolgerò a coloro che sono esperti di questa attività.
In qualsiasi casa andrò, io vi entrerò per il sollievo dei malati, e mi asterrò da ogni offesa e danno volontario, e fra l'altro da ogni azione corruttrice sul corpo delle donne e degli uomini, liberi e schiavi.
Ciò che io possa vedere o sentire durante il mio esercizio o anche fuori dell'esercizio sulla vita degli uomini, tacerò ciò che non è necessario sia divulgato, ritenendo come un segreto cose simili.
E a me, dunque, che adempio un tale giuramento e non lo calpesto, sia concesso di godere della vita e dell'arte, onorato degli uomini tutti per sempre; mi accada il contrario se lo violo e se spergiuro."
  Giuramenti...© 2012 Testo, disegni e colori di Daniele "tarlo" Tarlazzi
 

4 commenti:

  1. non posso scrivere quello che è successo a me..ho la cusa in corso...sappi solo che ho rischiato di morire per colpa di due ben due medici...che mi hanno diagnosticato una "lieve colite" cura Brufem e tanta acqua...36 ore dopo ...mi operavano di notte viva per miracolo e con un cancro di 15 cm....il resto te lo racconto a voce quando avrò la gioia di vedere te e la tua bellissima moglie:)
    un abbraccio
    moni

    RispondiElimina
  2. Monica, immagino.
    Purtroppo sono molte le vittime della malasanità, ma credo non si debba fare di tutta l'erba un fascio. Anzi: per un medico "improvvisato" per fortuna ce ne sono 300 di bravissimi. La vignetta forse è un po' troppo graffiante, ma in realtà voleva solo alleggerire :-))

    RispondiElimina
  3. ovvio e sono d'accordo noi tutto sommato in Italia abbiamo buoni e scrupolosi dottori io ho solo beccato forse gli unici due incapaci in servizio:)
    in famiglia ho ben tre medici...(parenti acquisiti) due ortopedici una ginegologa...
    la vignetta mi ha fatto sorridere:)

    RispondiElimina
  4. @Monica: Ortopedici...mmmm interessante :-)))
    Lieto di averti strappato un sorriso.

    RispondiElimina