mercoledì 10 ottobre 2018

Il cibo di sua signoria

La mia cagnolina dotata di occhi azzurri, ama le prelibatezze culinarie ricercate, ella ricerca una dieta di sapori ben dosati e delicati e diffida comunque di ogni proposta che le venga offerta. Se offro un pezzo di pane ai miei cani, corro il serio rischio di trovarmi con una mano offesa, se lo stesso pezzo di pane lo offro a Lamù, ebbene lei né studia le componenti in ogni singolo dettaglio annusandolo, poi schifata, lo prende in punta di bocca e lo porta, per studi più approfonditi, nella sua cuccia. Mentre lei fa questo, gli altri fratelli avvoltoi con orecchie e coda, la osservano sperando che la loro schifiltosa sorella, possa lasciare loro quel "ghiotto boccone".
Oggi avevo un poco di grasso di prosciutto da offrire come regalia alla pattuglia canina. Pippo, Ciquita e Asia hanno "aspirato" la loro parte di saporita leccornia così forte, che presumo che il poco grasso di prosciutto dato loro in omaggio, si sia fermato direttamente nella punta della coda senza nemmeno passare per le papille gustative. Lamù, lei no, lei ha annusato schifata la "chicca" offerta e se ne è andata disgustata scuotendo  la testa come a dire: "ma che idee ti vengono, pensi io voglia diventare grassa come te ? Dai pure sta robaccia alle altre fognette pelose e chiamami Carlo Cracco per il pranzo di mezzodì".
Inutile dire che ho chinato la testa rispettosamente dicendo: "come desidera sua signoria".



Nessun commento:

Posta un commento