martedì 4 novembre 2014

...Eppure Nessuno sconfisse il Ciclope

Ah che "bella" cosa la società moderna! Tutti uniformati, tutti con la stessa idea (o contro la stessa idea) da bravi soldatini.
Tutti a lamentarsi che le cose non vanno salvo "smentita" di questo o quel politico o di questo o quel telegiornale. Ma che bella la società moderna, tutti a favore dello sciopero purché sia il proprio e non quello altrui perché gli altri, i loro diritti, dovrebbero farli rispettare in modo diverso altrimenti l'Italia si blocca. Io amo osservare questa società moderna perché ci regala programmi come  master chef e x factor che non ci insegnano ad essere migliori, ma a prevalere sugli altri infischiandosene del rispetto delle differenze stilistiche e culturali di ogni uno di noi e trasmettendo valori chiari del tipo: "o sei un vincente o non sei nessuno". 

Eppure, un tempo, "Nessuno" sconfisse il Ciclope! 

A me non dispiace essere un "nessuno" e non mi dispiace nemmeno marciare in senso contrario a quello che è il pensiero di massa (Massa intesa come moltitudine e non come pilota di formula uno). Permettetemi un consiglio "filosofico": uscite dagli schemi perché fuori dagli schemi, perdonate la citazione, c'è tutto un mondo intorno.
Ritrovate il piacere della lettura, riscoprite i classici, riscoprite il piacere della grande musica, siate modesti, sorridenti e nel contempo, tornate a pensare con la vostra testa e non con quella degli altri.   Forse questo è l'unico vero modo per sperare in qualcosa di nuovo e buono.  Magari ci permetterà di sognare  una nuova rinascita culturale.
Certo qualcuno obietterà che comunque facciamo parte della società, ebbene sappiate che io, di essere "socio" non avevo nessuna voglia.

Nessun commento:

Posta un commento