sabato 11 novembre 2006

Diario di un Tarlo qualunque: Rapporti poetici

Solitamente ho buoni rapporti con l'arte: amo la musica, il cinema, il teatro, la narrativa e la pittura, ma ho difficoltà esistenziali con i mimi e con la poesia. Della difficoltà nel decodificare i gesti della mimica e dei "mimi" ne ha parlato Woody Allen in un suo racconto che esprime totalmente la mia visione limitata verso questa forma d'arte. 


Oltre alla mia ignoranza globale nei confronti del "teatro silente" ho, come vi dicevo, un pessimo rapporto anche con la poesia... Sia chiaro: mi piace ne ammiro i versi sublimi, i risvolti romantici e passionali, ne comprendo i segreti spirituali... ma non riesco a comprenderne metrica e linguaggi e in fase di lettura, non riesco a trovare la giusta concentrazione che mi faccia apprezzare gli sforzi profusi dall'autore. Capita quindi che, se invitato ad ascoltare poesie, io mi senta un po'...pesce fuor d'acqua.



Cerco di dare massima attenzione a disquisizioni dotte su interpretazione di arditi versi  e quando mi si chiede cosa ne penso glisso con un "si, si... bella" che fa ben comprendere quanto sia grande la mia difficoltà.


Ricordo che ai tempi della scuola cercarono di insegnarmi, senza successo, a trovare significati e spiegazioni nascoste tra i versi:



"Si sta come d'autunno

Sugli alberi le foglie"



Si sta come d'autunno, quindi occorre indossare abiti adatti alla temperatura che subisce un ribasso, ma le foglie che cavolo c'entrano? Sono sugli alberi? Ok, fatti loro. Vogliono cadere? Facciano pure. Poi queste dannate foglie sono sugli alberi perchè trattasi di alberi "sempreverdi" o aspettano qualche misterioso evento che il poeta ci nasconde? Le foglie rappresentano la volontà di sperare in un inverno mite? E se gli alberi rappresentano la vita la cui caducità è rappresentata dalle foglie, perchè dovrò spazzare il giardino dalle foglie secche per tutto l'inverno? Inoltre mi chiedo: le rime baciate sono considerate rapporti prematrimoniali?



Non riesco a capire e me ne dispiace.

Quali saranno le emozioni che cercano di trasmettere i poeti? Non lo saprò mai.

Invidio la sensibilità e l'arte dei poeti ed ammetto che anch'io vorrei lasciarmi ispirare da un tramonto e vorrei magari che i caldi colori ispirassero, nel mio cuore, versi immortali o rime sublimi. Ma se guardo fuori dalla finestra il paesaggio ed guardo un albero e un passerotto svolazzare sui rami, l'unico verso poetico che pervade il mio corpo è questo:



"O albero, Albero poverello

sul ramo ritorto

si è posato un augello.



Egli starà li per ore

finchè arriverà un cacciatore.



O povero augello, nel momento in cui penserai

"Ma della vita che ne è stato"

E' perchè sei finito impallinato"







© Daniele "tarlo" Tarlazzi (Novembre 2006)


(N.d.A: In passato ho gia parlato del mio difficile rapporto con le "composizioni poetiche" chi vuole andarsi a rileggere quel posto può farlo cliccando qui.)

23 commenti:

  1. monicamarghetti11 novembre 2006 19:38

    ma non è vero che non ti piacciono i poeti e le poetike...tu adori le mie:)) e non provare a negarlo:)))))

    bacio serale

    (bel post)

    monica

    RispondiElimina
  2. monicamarghetti11 novembre 2006 23:28

    bacionotte me ne vo a far le ninne nanne

    mony

    RispondiElimina
  3. @Monica: Infatti in realtà non ho parlato male dei poeti o della poesia ma delle mie personalissime difficoltà nel comprendere tale arte... e poi potrei essere più favorevole ad apprezzare le poetesse più che la poesia ;-)

    Buonanotte nanne anche per me

    Tarlo

    RispondiElimina
  4. monicamarghetti12 novembre 2006 11:49

    :))) eheheheh le poetesse mi sembra un ottima cosa!

    buona domenica

    kissi

    mony

    RispondiElimina
  5. Mi pare di vederti durante la lettura di poesie, bocca spalancata bollicina al naso e .....attento a non russare altrimenti se ne accorgono! :o)

    RispondiElimina
  6. caro daniele, ci stiamo logorando a pensare cosa sia questo sottofondo musicale. attendiamo illuminazione, attendiamo anche te a torino. [tiranno pensava a "frankestein j.] [io sono d' accordo] baci sbadi e tir

    [aspe che ora dice Hitchcock!]

    RispondiElimina
  7. http://hiroscima.altervista.org/Mel_Brooks_-_Main_Title__Theme_from_Young_Frankenstein_.mp3



    ^^ chi vuol capire capisca....o meglio..ascolti



    Buon inizio settimana



    P.S. lupi ululà, castello ululì

    P.P.S.: Tarlo..hai letto che dice di noi Moni? ^^

    RispondiElimina
  8. monicamarghetti13 novembre 2006 00:33

    ....che lo legga il Tarlo:)

    per il momento

    bacionotte

    moni

    RispondiElimina
  9. io non sopporto le pseudo poesie suli blog...

    RispondiElimina
  10. volevo dire "sui" blog...

    RispondiElimina
  11. @Sbadigliaz (utente anonimo): Allora mia carissima, il sottofondo musicale è "Frankenstein Junior main title" tratto dall'omonimo film di Mel Brooks. :-) Presto verrò a trovarvi promesso, magari a primavera o forse prima chissà.

    Un abbraccio enorme



    @AngeloC: Bravo risposta esatta (sul tema)... a proposito "Mai visti due così" - "Grazie docktore"

    "Frau Blucker!"

    Ho guardato tra i post di Monica ma non ho trovato nulla... dimmi qualcosa in più che se è il caso tiro fuori lame e lamelle ben affilate :-D



    @Monica: Mia tesora, mi sono appena svegliato e sono ancora in tilt...dai sii buona o non ti preparerò i gnocchi di patata.



    @Grigietta: Che ti devo dire, io ammiro davvero (e forse inconsciamente invidio) chi riesce a trasmettere emozioni in versi ma non sempre riesco ad interpretarne la bellezza interiore. :-)



    Tarlo

    RispondiElimina
  12. E che dolore che mi dai:) Mo, proprio la poesia non ti doveva piacè? Non poteva esse n'altra cosa? Provo a dì la mia: se non ti piace, forse è perchè qualche disgraziato cristiano ha provato a spiegartela. E la poesia non si spiega. Mai:)

    saluti cari

    renée

    RispondiElimina
  13. sta gigietta e'un po'snob...

    o sbaglio???

    forse e'una puffetta?

    ``io odio... le poesie sul blog''

    ``io odio...i blog''

    ``io odio...''

    RispondiElimina
  14. monicamarghetti13 novembre 2006 14:18

    buon giorno oggi mony è inquieta...non so perchè forse mangio troppa cioccolata:)

    bacio

    RispondiElimina
  15. ^^ ti sei dimenticato il nitrito terrorizzato

    hiiiiiiiiiiiiiii



    Guarda nel blog di Grakula ^^



    RispondiElimina
  16. Update...

    commento 26 del post sull'ADSL ^^

    RispondiElimina
  17. @Diciche: Ciao Renèè. Oioi mi son spiegato male e mi dispiace... allora la poesia mi piace e quel che ho scritto nel mio "diario" è ovviamente l' esagerazione di una difficoltà (casusata probabilmente dalla mancanza di un giusto insegnamento) a comprendere versi. Poi ci sono poeti che amo da impazzire come Emily Dickinson o Kalhil Gibram... insomma: la poesia mi piace (così come le poetesse ;-P) ma come succede in tutte le cose del mondo, preferisco i romanzi o un bel film e anche un bel film o un romanzo possono essere altamente poetici. C'è poi un libro che amo tantissimo e che definisco splendidamente poetico, di Maxence Fermine edito da Bompiani intitolato "Neve" che contiene parecchia aiku (spero si scriva così) dedicate alla bianca coltre invernale. Insomma: non odio la poesia solo a volte ho difficoltà a seguirla ma per un problema di semplice "ignoranza"... nessuno mi ha mai insegnato ad apprezzare questo tipo di arte.



    @Giarre; heyhey calma... :-)

    Sono sicuro che Grigietta non voleva offendere nessuno (così come non volevo farlo io, cosa che spero sia chiara). Posso assicurarti che Grigietta è tutt'altro che snob.

    :-)



    @Monica: Mangi troppa cioccolata? ok....passa alle frittelle. Questa sera credo farò le frittelle di zucca :-)



    @AngeloC: Ora vado :-D Grazie mille



    Tarlo

    RispondiElimina
  18. Ma lo sai che mi piace tantissimo la poesia dell'augello sul ramo ritorto ;-)

    Per la proprietà transitiva, dici che anch'io non ho qualche difficoltà?

    Un saluto

    RispondiElimina
  19. @Cartrige: Uh grazie mille :-D

    Mi sa che forse, per proprietà transitiva, siamo simili ;-PPP

    Tarlo

    RispondiElimina
  20. Sono poche le poesie che mi "prendono" veramente, perciò ti capisco perfettamente. Io stessa ne ho scritte alcune ( senza tecnica e di getto ) e, rileggendole, non mi dicono granchè.

    Bacione!

    RispondiElimina
  21. @Anneheche: un pizzico di invidia (quella buona naturalmente) verso coloro che son capaci di mettere emozioni in versi c'è...io davvero non son capace (per vostra fortuna)

    :-D

    Tarlo

    RispondiElimina
  22. in effetti ti capisco... certo ci sei andato un po' con l'accetta ma del resto se no che provocazione è???

    RispondiElimina
  23. @Rinoceronte: No dai, in fondo non è una vera "accetta" quella che ho utilizzato. Diciamo che ho usato il sarcasmo del mio serpentaccio ;-P



    Tarlo

    RispondiElimina