mercoledì 4 ottobre 2006

I grandi dubbi: Il lavoro nobilita?

Il lavoro nobilita o "mobilita"?

Sono propenso a credere che attualmente il lavoro mobiliti, chi lavora non è mai fermo, quindi il lavoro mobilita!

Anche perchè (salvo le dovute eccezioni dovute a matrimoni nobili) non ho mai visto un lavoratore diventare improvvisamente "visconte o marchese"

Il lavoro quindi non nobilita.

Ma se lavorare mobilita, vuol dire che tutto il fisico risponde e il corpo gia si muove...a cosa servono le palestre?

Le palestre servono a nobilitare il fisico e gli istruttori devono lavorare, dunque: la palestra nobilita e il lavoro mobilita.

In compenso l'ozio è il padre dei vizi ed uno dei vizi preferiti dal genere umano è fumare: per fumare occorre muovere un braccio, prendere una sigaretta tra le dita, accenderla con gesto sicuro dunque, fumare equivale ad esercizio fisico quindi fumare non è oziare e quindi non può essere considerato vizio.

E se l'ozio fosse parente con l'equinozio? Potrei ugualmente divorare bistecche di cavallo senza far fatica?

Conclusioni: Il lavoro mobilita, le palestre nobilitano, l'ozio e l'equinozio si EQUIvalgono e per me è ora di andare a dormire.


Sogni dorati bella gente.


Tarlo

16 commenti:

  1. Adoro il lavoro. Starei ore a guardare la gente che lavora!

    Jerome K. Jerome.

    Massimo

    RispondiElimina
  2. @Commediografo: Ottima citazione. Grazie Massimo.

    Tarlo

    RispondiElimina
  3. romanticaperla5 ottobre 2006 09:09

    Buongiorno!

    Spero che tu abbia sognato bene.

    Bho in questo periodo il mondo è pieno di casini,forse è bello distrarsi un po' dopo che hai lavorato andare in palestra x farti un po' di bene al fisico....la carne d'equino si sa fa bene a chi è anemico...

    molto simpatici i tuoi discorsi

    Bye

    RispondiElimina
  4. @Romanticaperla: Buongiorno a te, Sognato bene mi chiedi? non ricordo... però ho dormito :-)

    Sono un pigro nato e quindi quando mi parlano di palestra mi domando: "perchè pagare per far fatica? se devo pagare per lavorare vado a lavorare"

    Grazie per i complimenti

    Daniele "tarlo"

    RispondiElimina
  5. mi chiedo...

    se la carne più richiesta è quella dell'EquinoZio...

    a un cavallo non converrebbe esser figlio unico?...

    Sarebbe.. a cavallo.....

    beh..."essere a cavallo" è un modo di dire che io non dovrei usare...

    In sella sull'equino dubito mi sentirei particolarmente bene...

    Uhmm ma forse c'è il trucco...

    Finchè sei in sella.. è tutto ok...il problema nasce quando (pochi istanti dopo esserci salito sopra) ti scaraventa in aria... e precipiti rovinosamente al suolo... :))



    wè..un bel post sui modi di dire l'hai già fatto?......



    Buona giornata Tarlo...

    RispondiElimina
  6. @AngeloC: Se un cavallo non avesse come parente un equinozio probabilmente subirebbe meno i cambi di stagione ma allora non sarebbe un cavallo ma un armadio...

    Nemmeno io in sella ad un cavallo mi trovo a mio agio (vedi post di qualche giorno fa)... riguardo al giocare sui modi di dire si... ogni tanto lo faccio e forse in giro trovi ancora qualcosa :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  7. Il lavoro debilita.

    RispondiElimina
  8. @Alister: Ma il lavoro "fortifica" anche il portafogli che poi svuotiamo con altri esercizi fisici... hai ragione, alla fine il lavoro debilita.

    RispondiElimina
  9. Il lavoro è il padre di tutti i vizi.

    RispondiElimina
  10. Questo tuo blog è veramente simpatico.

    Un caro saluto

    Stellina

    RispondiElimina
  11. @Pralina: Il lavoro è padre di tutti i vizi, le ferie la madre di tutte le gioie, lo stipendio il figlio che ci fa spendere e spandere, la casa la nonna che ha un po' bisogno di cure... insomma il lavoro è una grande famiglia



    @Stellaceleste: Ciao e benvenuta.

    Grazie per essere passata, spero di rivederti ancora da queste parti :-)



    Tarlo

    RispondiElimina
  12. ma se il lavoro abilita o disabilita???

    RispondiElimina
  13. @Giarre: Il lavoro abilita offrendoci manualità ma se poi ci facciamo male disabilita e occorre lavorare alla riabilitazione per riprendersi, quindi il lavoro è ripresa... ma per riprendere ancora non so se usare una cinepresa o una telecamera...

    Tarlo

    RispondiElimina
  14. Hem hem mmm ci ho provato a seguirti lo giuro! ;P

    Cmq tornando al test ma lo sai che anche io sono abituata ad arrivarte almeno 10 min prima? Anzi "ero" perche' ho smesso in quanto sommati ai ritardi degli altri finivo per aspettare troppo.

    Ho anche deciso di verdermi al cinema tutti i titoli di coda visto che si 'e diffusa troppo l'abitudine di aggiungere parti di film alla fine :)

    Un saluto,

    M.

    RispondiElimina
  15. @Le1chatnoir: He he he.... forse il discorso del lavoro che mobilita/nobilita sta diventando troppo... filosofico ;-)

    Si dovrei cambiare anch'io le mie manie di puntualità e a volte ci riesco pur sentendomi in colpa. :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  16. Se l'ozio fosse un po' equinozio avremmo trovato il giusto mezzo (una vespa? che battuta pungente...)

    RispondiElimina