mercoledì 20 settembre 2006

Agriturismo

Ci sono giorni strani, dove la malinconia prende il sopravvento; in questi giorni nemmeno un camion gru riuscirebbe a tirarmi su il morale, l'unica cosa da fare in questi momenti è ripensare a cose piacevoli.

Uno dei miei ricordi piu' belli e' una gita ad un particolare agriturismo.

Quanti di voi hanno avuto modo di passare una giornata in un bell'agriturismo immerso nella Natura?



Partenza all'alba: è nuvoloso ed abbiamo tutti laluna storta vuoi perchè il bar è chiuso ma soprattutto perchè attendiamo la classica coppia di ritardatari che, puntualmente, si presenterà all'appuntamento con il gruppo con circa 60 minuti di ritardo (vero è che gli amici ritardatari sono attualmente sponsorizzati dalle ferrovie dello stato).

Finalmente le auto iniziano a macinare chilometri e naturalmente mi tocca fare il "battistrada" poichè sono l'unico che conosce strade e stradine alternative e poco trafficate per arrivare. Quali colpe posso avere se, nell'era dei navigatori satellitari, riesco ugualmente a sbagliare strada e sono costretto a fare una deviazione di circa 50 chilometri?

Addormentati e un po' rinco...hem... rintronati dall'alzataccia e dalla "montagna" di chilometri percorsi, arriviamo nella splendida oasi naturale.

Sono le 8 del mattino.... è un freddo tale che nemmeno le marmotte escono dalla loro tana e persino le formiche non si azzardano a mettere il naso fuori dal loro formicaio.

Un buon caffè, qualche fetta di ciambellone e sedersi accanto alla stufa, ci riconcilia con il mondo perchè ci consente di scaldare i nostri esili corpicini intorpiditi.



Ci siamo appena ripresi dal freddo ed ecco che lo sportivo di gruppo esclama:

"Caspita ragazzi, che vita meravigliosa... avete visto? Qui hanno anche il maneggio.... dai tutti a cavallo forza!"

La frase getta nel panico metà dei presenti e riempie di gioia l'altra metà

Si va per votazione democratica e la maggioranza, mio malgrado, decide per la cavalcata.



Personalmente diffido degli animali più alti di me: i draghi ad esempio sono splendidi animali, utili anche per accendere una sigaretta se ci si dimentica di fiammiferi o accendino ma non sempre riescono a dosare le fiamme.

S.Giorgio è riuscito ad estinguerli e grazie al cielo a nessuno è mai venuto in mente di far indossare loro una sella sulla schiena.

Il Cammello può essere un altro animale cavalcabile.

Una volta salito però occorre trangugiare tonnellate di xamamina per sopportare il rollio e le dune di un deserto che improvvisamente prendono vita all'interno dello stomaco non appena l'animalone decide di mettersi in movimento.

Poi ci sono gli asini ma loro sono somari e non c'e' molto da dire....



Anche certi cavalli, posso assicurarvelo, sono somari ma è un discorso diverso.

Insomma:amo i cavalli, sono belli e simpatici ed alcuni di loro hanno anche una grande intelligenza: sono anche molto buoni soprattutto se cotti al burro o ai ferri (anche se li mangio con grande senso di colpa) ma disgraziatamente sono piu' alti di me.

Tutto questo discorso per farvi capire che il cavallo innanzitutto capisce subito di che pasta sei fatto (ed è quello il momento in cui decide se è il caso di fare "l'asino" o il cavallo serio) stai per montare in sella e lui gira la testa e ti osserva con uno sguardo che ipnotizza...

"Pseudocavaliere,non mi avrai!" sembra suggerire il suo sguardo.



"Chi vuol montare in sella per primo?" Chiede l'istruttore.

Cerco di sfuggire all'impresa ma vengo catturato da coloro che consideravo amici e che in realtà si dimostrano veri e propri assassini che non vedono l'ora di potersi divertire alle mie spalle.

Gia li vedo seduti ad un tavolino di un bar, assieme al cavallo, a ridere delle mie sciagurate imprese.



Mi avvicino timidamente al nero e maestoso cavallone, ci scambiamo uno sguardo....ne sono sicuro: sta sogghignando.

Accarezzo con dolcezza il muso della bestia e gli sussurro: "Fammi cadere e finisci in scatolette contenenti ottima carne in gelatina".

Il sogghigno del cavallo si smorza immediatamente e lo sguardo si trasforma da sprezzante in occhiate piene di rispetto.

Rispetto che pero' durera' solo pochi istanti.

Metto il piede sulla staffa, provo a sollevarmi e la bestia inizia a spostarsi lentamente.

Non mi farà cadere ma l'intenzione di fare l'asino quella si!



"Aspetta" dice l'istruttore "Guarda come si fa"

Con un balzo tipico da cawboy, l'istruttore monta in sella ed il cavallino si comporta da brava statua: non un muscolo,nemmeno un sol nervo dell'animale da segni vitali.

L'istruttore scende e mi offre le redini. A quel punto l'animale inizia a muoversi come se avesse il ballo di S.Vito.

Provo a risalire in sella e mi trovo in sella a rovescio: non vedo la testa del cavallo ma solo una coda....

Scendo e riprovo, ancora non capisco come ma sono finalmente in seduto dalla parte giusta e con le redini in mano.



Ora il cavallo è fermo immobile...Mi illudo che si tratti della vittoria dell'uomo sull'animale ma qualcosa rovina la festa:l'istruttore mi ordina di spronare l'equino, di farlo muovere. Ci provo senza successo.

Invito la bestia a camminare lo chiedo per pietà scongiurandolo, magari di muoversi molto lentamente ma di muoversi perchè mica voglio fare brutta figura davanti ai miei amici.



Il cavallo, lo abbiamo gia detto, è un animale intelligente e ben capisce le situazioni, quindi china la testa e... resta immobile con il resto del corpo ma inizia a brucare con gusto dell'ottimo prato.

E' sicuramente un passo avanti, forse finito quel po' di erba, dovrà fare un qualche passo avanti ed io avrò la mia soddisfazione.

L'istruttore, ancora con toni gentili e cortesi, cerca inutilmente di fornire consigli su come far muovere il cavallo.

"Devi far capire al cavallo chi è che comanda!" dice lui...

Certo che devo far capire alla bestia che sono io a comandare e che lui deve fare ciò che io voglio ed è per questo che in un "flashback" immagino il cavallo uscire dalla stalla con la sella in bocca e dirmi con un nitrito: "dove ti devo mettere questa sella? sulla schiena?"



Il duro uomo del west che vive dentro di me, finalmente si risveglia: riesco finalmente a far muovere l'equino ma è anche ora di farlo girare a destra, naturalmente provo, ma il cavallo va dritto.

L'istruttore urla qualcosa, io provo ancora a far capire al cavallo che deve andare a babordo anche se lui preferisce il tribordo...finalmente trova un'altro pezzettino di prato getta l'ancora e si ferma definitivamente.



L'istruttore mi aiuta a scendere e commenta tra la generale ilarità dei "falsi" amici: "Sei sicuramente più bravo a muovere le mandibole che a cavalcare".



Rispettoso, ringrazio il cavallo per non avermi fatto del male e corro a sedermi su un prato.... ora solo il pranzo potrà smuovere le mie membra.

La giornata prosegue tranquilla, ottimo pranzo e buona compagnia poi una bella passeggiata in mezzo ai boschi ed al tramonto si riparte per la città.

Guardo la collina allontanarsi e lo splendido tramonto, ripenso alla mia esperienza a cavallo ed inizio a canticchiare una vecchia canzone."I'm a poor lonesome caw-boy and a lon way from home"







Daniele "tarlo"

19 commenti:

  1. be io a lezioni ``di cavallo'' ci provai

    ad andare.. ma... l'istruttore mi disse:

    signorina lei non e'proprio portata..

    meglio usare le ... ,mandibole

    RispondiElimina
  2. Il cavallo... splendido animale, uno di quelli che preferisco. Però non ho mai cavalcato, ho paura di cadere, troppo alto....Il tuo racconto mi ha ricordato quel film... Scappo dalla città, lo ricordi? ehehehehehe

    RispondiElimina
  3. @Giarre: He he he.... sorrido per la nostra somiglianza nelle prestazione da fantini :-)



    @Zidora: Cani, gatti e cavalli per me sono sullo stesso piano anche se sentire gli zoccoli del cavallo in cucina di notte può essere fastidioso... La paura di cadere è grande anche per me per quello ho appeso la sella al chiodo subito dopo la prima lezione. Scappo dalla città...certo che lo ricordo... Il sole è ancora alto :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  4. Vigliacco minacciare un pover o onesto cavallino! Ma una foto di te in sella al rovescio si puo' avere? :P

    Buon week end

    Mila

    RispondiElimina
  5. ehi ci sei? io ci sono un pochino debole ma sono quì...

    un sorriso il migliore che posso:)

    per un'amico come te farò il massimo!

    baci

    monica

    RispondiElimina
  6. @Le1chatnoir: Meglio minacciare o sopravvivere? Sai Mila? Prima di salire sul cavallo imposi ai miei amici di non utilizzare macchine fotografiche anche se la leggenda narra di certe foto che... però io non le ho mai viste ;-)



    @Monica: Bentornata! Grazie per il sorriso che però spero possa essere ancora meglio del massimo :-D

    Un abbraccio



    Tarlo

    RispondiElimina
  7. ...mi credi se ti dico che sto facendo di tutto..ma al momento massimo è il mio meglio:))

    grazie un bacione

    monicabuagrandeancora

    RispondiElimina
  8. Penso che per la mia statura potrei cavalcare facilmente solo pony, con qualche aiuto a salirci... :)

    RispondiElimina
  9. @Monica: certo che ti credo ma tu devi fare la brava e guarire.



    @Pralina: Beh per salire tutti gli istruttori aiutano... la parte difficile e starci sopra e scendere senza farsi del male...



    Tarlo

    RispondiElimina
  10. sto facendo la brava bambina tutto il mio impegno e la mia dannata voglia di vivere!

    un bacione grande al mio amico

    nonchè presidente del M.A.I

    RispondiElimina
  11. @Monica: dai che va meglio... Oggi faccende domestiche :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  12. sempre meglio e poi se sorrido lo sai anche tu che sono più carina..insomma meno brutta:))

    bacio grande

    moniquasiguarita

    RispondiElimina
  13. @Monica: Brava sono fiero di te.

    Tarlo

    RispondiElimina
  14. Notte dolce un bacio

    mony

    RispondiElimina
  15. non ho la febbre!!!! il morale non è alto ma in ripresa:)

    ecco volevo dirtelo

    bacio

    monica

    RispondiElimina
  16. Il tuo blog mi piace e credimi non è facile trovare qualcosa di buono su Splinder: in media direi uno su dieci.

    Saluti.

    RispondiElimina
  17. Ehi Tarlino dove sei mi manchi un bel pò...e per di più ho il cellulo che non funziona uffa dove sei finito:(

    bacione

    monicainansia

    RispondiElimina
  18. Ho deciso: cavalcherò un bradipo.

    RispondiElimina
  19. @Victoralfieri:Benvenuto! Riguardo al blog: non so se sia buono o meno ma grazie mille dei complimenti...fanno sempre piacere :-



    @Monica: Oilalà eccomi.... come va come va? tutto ok? tutto ok? mi sa che dovrai cambiarlo quel cellulare :-)



    @Pralina: Cavalcare un bradipo? hmmmm... se trovi un bradipeggio (maneggio per bradipi) fammi uno squillo che ti raggiungo :-D



    Tarlo

    RispondiElimina