giovedì 6 luglio 2006

Diritto di...replica

Tempo d'estate... tempo di repliche (non solo televisive). Sembra ieri e in realtà lo era, che in spiaggia si leggevano pettegolezzi su riviste femminili e per un momento mi son chiesto "Quali sono le differenze tra un giornale di pettegolezzi e un giornale dedicato al benessere maschile?". La risposta è stata immediata: Ne avevo gia parlato a Gennaio 2006 nel post che in questa giornata meteodisturbata desidero riproporre.


Attenzione però, ancora per il sottoscritto non è periodo di ferie e nei prossimi giorni (in questi lidi) appariranno nuove vignette e nuovi post ma nell'attesa beccatevi 'sta replica.



Riviste da uomini: ovvero ecco spiegato perchè, a quarant'anni suonati, leggo ancora fumetti.


Gigioneggio in edicola indeciso se comprare Topolino o Geppo, quando ecco che un curioso occhio si posa sulla copertina di uno dei tanti giornali dedicati a noi "maschietti e alla nostra voglia di essere veri uomini costi quel che costi"!


Incuriosito dai  titoli in copertina leggo cose tipo: "Scopri come farla impazzire, aggiungi quintali di muscoli suo tuo torace, rendi bollente il tuo io e scopri come diventare uno stallone con soli 500 euro”. Penso tra me e me che  in fondo per "farla impazzire" (nel vero senso della parola) basta comportarsi come al solito, ovvero da uomo: lasciare la tavoletta del water abbassata, lasciare calzini sudici in giro, urlare che tutto ciò che ella cucina e prepara non è degno nemmeno di esser nominato cibo, non rispondere al telefono quando ci chiama solo perchè stiamo leggendo notizie di calcio, fingere di ascoltarla mentre ci racconta la sua tragica giornata di lavoro e rispondere con uno smagliante sorriso "Allora tutto bene insomma." Per quale motivo quindi dovrei acquistare un giornale che mi spiega quel che, grazie al mio codice genetico, so gia fare così bene?


Forse perchè nello stesso giornale c'è un articolo che mi spiega come devo rendere "bollente" il mio corpo? Gia immagino cosa  risponderebbe "colei" che condivide con me cibarie e tempo libero: "Tesoro, vuoi davvero sapere come rendere bollente il tuo corpo? Datti fuoco, vedrai che bruci anche le calorie in eccesso. E poi è inutile aggiungere quintali di muscoli al tuo corpo, pesi gia abbastanza così!"     


Potrei acquistare questo giornale per capire quali sono le nuove tendenze della (mai seguita) moda maschile, in fondo potrei anche "stupirla" con effetti speciali e vestiario ultravivace invece di presentarmi con il solito jeans e camicia, così sfoglio il giornale e scopro che per vestirmi "bello comodo", in teoria dovrei sborsare: Euro 500 per una camicia di Roberto Cavalli (mi spiego così come si fa a diventare uno stallone indossando una "semplice camicia"), che alla camicia dovrò abbinare un "comodissimo" papillon di Tino Cosma (euro 45) ed un paio di pantaloni di Brools Brothers (a soli 228 euro). Faccio un rapido calcolo: 773 euro... continuo la lettura e tiro un respiro di sollievo scoprendo che, grazie al cielo, i calzini costano solo 4 euro e 95 centesimi... Nulla di meglio di un paio di calzini nuovi per stupire la nostra compagna di vita.


E se "colei che intuisce i miei pensieri più nascosti” sospettasse che acquisto questo giornale per il calendario in esso contenuto? Come giustificare il fatto che la mia attenzione non è diretta alle anatomie perfette e alle curve pericolose della modella di turno, ma agli articoli di alta cultura contenuti nel periodico? Lo so in partenza: non mi crederebbe mai, a meno che...


Così mi lascio sedurre (non dal calendario) ed acquisto il giornale dedicato alla perfetta cura dell'uomo, certo di avere nella mente il piano perfetto: quando "colei che crederà a qualunque cavolata io dica" rientrerà dal lavoro, mi troverà intento a scolpire i miei muscoli con i semplicissimi esercizi fisici suggeriti dal periodico.


 Rientro a casa e osservo, con assoluto interesse culturale e scientifico, tutti quanti i 365 giorni descritti dal calendario soffermandomi distrattamente sulle immagini ritratte nei mesi di Gennaio, Febbraio, Novembre e Dicembre chiedendomi come mai, l'artista ritratta, non indossi nemmeno una sciarpa... ma non avrà freddo ad andare in giro così in questi mesi così freddi?     


Con un miagolio, il gatto mi informa che "colei che lo nutre a base di tonno" ha appena parcheggiato l'auto. Lancio il calendario sulla scrivania dello studio e apro il giornale alla pagina degli esercizi ed inizio a lavorare su uno dei faticosissimi movimenti descritti e, in meno di due decimi di secondo, la mia schiena si blocca in una posizione tale che nemmeno un abile contorsionista riuscirebbe a replicare. Piegato in due dal dolore, domando un sommesso "aita, aita...aitatemi per pietà" alla compagna delle mie disgrazie che appena entrata in casa, da persona intelligente qual è intuisce forse il mio ingenuo "bluff" e commenta con un beffardo e ironico: "Uomini: tutti uguali!".


Colpito nell'orgoglio da tale affermazione, striscio verso il divano e per non essere da meno replico: "Femmine: non capite quali profondi sacrifici siamo costretti a sopportare per piacervi di più: credi che sia facile fare palestra in casa senza gli attrezzi adatti?".


Ora sapete perchè, a quarant'anni suonati, ho deciso di smettere di leggere giornali per veri uomini e continuerò ad acquistare solo ed esclusivamente fumetti. 


Daniele "tarlo" Tarlazzi




per la foto e la "testata" © Aventi Diritto.


 

9 commenti:

  1. Ci sono riuscito!!!!!!

    Finalmente ti posso commentare!!!!!

    Almeno uno che resta al pezzo, io non vado in ferie e questi blog sono semideserti, aspetto le vignette, mi raccomando!!!

    RispondiElimina
  2. @Grakula: Bentornato ai commenti... Poi mi dici come hai risolto?



    Tarlo

    RispondiElimina
  3. grande, mi sono goduta ogni parola! ma spiegami una cosa: non è un piccolo piccolo tradimento guardare i calendari delle "fate arrapanti"? io mi incavolo da morire! non ci arrivo a questo aspetto dell'universo maschile..(o forse non c'è niente di misterioso... vi incavolerste anche voi al nostro posto!)

    RispondiElimina
  4. Neanche io. Ma sembra sia l'unico. Le favole di Esopo mi hanno violentato il cervello da piccolo. Penso che sarebbe riprovevole trovare una donna con in camera il calendario dei Sigue Sigue Sputnick nudi... allora, per riflesso, mi intristiscono abbastanza anche le persone che fissano Agosto nel calendario delle "Fate Arrapanti"

    RispondiElimina
  5. @goldenspirit: Fate arrapanti? Ma quali fate... quelle ragazze mica esistono nella realtà...sono solo buoni disegni e un sapiente maneggiamento di silicone... scherzi a parte: a dire il vero, l'unica volta che ho comprato una di quelle riviste è stato per un gadget interessante... poi dentro c'era il calendario ma... no non è come pensi... SKRIIIIIIEEEEEEEKKK... ok, ok, ok, mi sto arrampicando sui vetri :-)



    @Cody: Mi spiace per la magia mancata ma dovevi tentare di spiegarmi meglio... Riguardo al calendario: in realtà in casa ho solo il calendario di frate indovino e quello di Diabolik :-)



    Tarlo

    RispondiElimina
  6. monicamarghetti9 luglio 2006 22:56

    e fai bene!! dimostri di essere unvero uomo!!

    ...che patimento anche i supplementari...uffa:)

    bacione crudelia/monica

    RispondiElimina
  7. @monica: Bentornata Cudelonica (incrocio tra Crudelia e Monica) tutto bene? Pensa è finita ai rigori... soddisfatta del risultato? Andato tutto bene in vacanza/lavorativa?



    Tarlo

    RispondiElimina