venerdì 26 maggio 2006

La valigia e l'insonnia

Che attinenza c'è tra la preparazione di un viaggio e l'insonnia?
Sembrano due cose differenti ma a mio personalissimo avviso sono strettamente collegate; ancora non ho capito il meccanismo psicologico di questa alleanza tra viaggi e sonni mancati, ma qualche ragionamento teorico credo si possa tranquillamente fare.


Poco importa se il viaggio che si deve fare è di routine, nulla importa se si va a fare una cosa gioiosa e rilassante, se si percorrono chilometri per poter passare un po' di tempo con una persona cara o se si viaggia per lavoro.
L'incubo c'e' eccome.....
Appoggio la valigia sul divano del mio studio e la osservo... essa resta ferma, vuota e immobile.
Non si rende conto che siamo in un era tecnologica e piena di meccanismi automatici? E allora perchè diavolo non si riempie da sola....


Vabbè considerazioni del 21 secolo a parte, preparo un foglietto a mo' di promemoria ed inizio le operazioni di riempimento:
1) biancheria
2) asciugamani
3) spazzolino e mercanzia per l'igiene del corpo
4) Moment per l'igiene e la salute del mio cranio
5) Pantaloni di ogni genere e tipo
6) Camice ed eventuali maglioni ecc....


Bene, sembra tutto a posto, ma in realtà non è così:
Qualcuno passa vicino alla stanza e, pur volendo aiutare, ti getta nel panico:
Sicuro di aver preso tutto?
Questa frase detta, in modo amorevole e in tono flautato dalla totalità dei genitori, moglie, amante, amica e chi più ne ha più ne metta, getta nel panico colui che si appresta alla partenza.


Non voglio aprire nuovamente la valigia, è la settima volta che la apro per aggiungere cose che mi erano passate di mente! Sono sicuro; ho preso davvero tutto.... e allora perchè il Tarlo rode?
Ma sono davvero così sicuro di aver preso tutto?
Ripasso mentalmente l'elenco del materiale e soddisfatto del risultato, getto una rapida occhiata all'orologio, sono le 3 del mattino, alle 5 dovrò alzarmi e i treni, nella maggioranza dei casi, non mi aspettano (arrivano tardi, ma partono puntualissimi... credo sia per la famosa legge di Murphy).
Mi alzo e effettuo ulteriori controlli, non manca nulla....
Ormai è inutile tornare a letto, tanto vale farsi di caffè e magari guardare un po' di tv prima mettersi in viaggio.
Il treno parte puntualissimo dalla stazione e dopo un piccolo momento di panico (Avrò preso tutto?) mi rilasso, inizio a leggere il giornale acquistato prima della partenza.
Finalmente mi sento leggero e libero... che sia perchè ho dimenticato la valigia a casa?


Tarlo (scritto nel 2002)

12 commenti:

  1. monicamarghetti27 maggio 2006 10:43

    buongiorno mio caro amico..e grazie di tutto

    fai buon viaggio e goditela!

    ti abbraccio

    monica

    RispondiElimina
  2. Quando torni, portami un gadget di quelli kitsch che piacciono a me, come un portaspazzolini da denti con carrillon incorporato che canta "finché la barca va" oppure una boule à neige a base di forfora... dai, me piasce la boule à neige con la forfora...



    O____O

    RispondiElimina
  3. Turista per caos (non è un refuso).

    RispondiElimina
  4. Dato che viaggio in continuazione, vivo quest'incubo e l'insonnia almeno una volta alla settimana!

    Sigh!

    Buona settimana e buon viaggio a te!

    Marilù

    RispondiElimina
  5. monicamarghetti28 maggio 2006 23:22

    So che non ci sei ma un saluto ..lo lascio qui mi leggerai al tuo ritorno.

    un abbraccio

    monica

    RispondiElimina
  6. nonsonocostante29 maggio 2006 11:34

    1) biancheria

    ... voce troppo generica per il mio elenco delle cose da mettere in valigia: sarebbe garanzia per dimenticare a casa o le calze o le mutande

    RispondiElimina
  7. Comunissima l'insonnia x l'ansia da partenza. Piu' l'orario e' sfasato maggiore e' l'insonnia. Il mio consiglio e' di recuperare energie dormendo intanto che guidi.

    RispondiElimina
  8. monicamarghetti29 maggio 2006 22:42

    monicucciola è qui anche stasera per il salutino e un sorriso

    ciao a presto

    RispondiElimina
  9. Capisco perfettamente il tuo stato d'animo prima di una partenza..ho cosi poca fiducia nella mia capacità di organizzazione! Sarà perchè dimentico SEMPRE qualche cosa...

    RispondiElimina
  10. monicamarghetti31 maggio 2006 13:20

    eccomi qua..lo sai ormai fedele ..all'arma..come la benemerita eheheh

    ciaooo

    monica:))

    RispondiElimina
  11. monicamarghetti31 maggio 2006 16:40

    Tarlo di un Tarlo sei tornato!!!

    Dopo ci racconti tutto ti sei divertito? e riposato? bhè ora ti lascio respirare..ma poi scrivi,scrivi

    un bacio

    monicucciola:)))

    RispondiElimina
  12. Eccomi qua, son tornato.



    Monica: Ciao e grazie per avermi salutato ogni giorno.



    Pralina: Ciao conterranea ;-) Averlo saputo prima avrei potuto portarti una vera finta stalagmite delle grotte di Postumia, una campanellina in ceramica del lago di Bled o un po' di vapore del bagno turco delle terme di Dolenjke ;-) Ma davvero ti piacciono i gadget kitsch? Forse dovresti conoscere "Colei che ambirebbe ad una palla di vetro con la neve che cade sul paesaggio" :-D



    Radiofax: Si è vero: sono un turista per caos... riuscirei a perdermi e combinar guai anche in presenza di un navigatore satellitare :-D



    Mariluaureola: Io adoro viaggiare e amo le vacanze ma purtroppo devo limitarmi perchè i costi di una vacanza sono sempre quasi proibitivi, magari potessi "fuggire" ogni settimana... la mia "insonnia da valigia" svanirebbe. :-)



    Nonsonocostante: giusto ma una "voce generica" permette proprio il "rinnovo della biancheria" in quanto qualcosa ci si dimentica... bisogna anche pensare ai lati positivi della cosa :-)

    Grazie per la visita.



    Codyallen: Se alla guida ci stanno altri non dormo... io dormo solo quando guido, come lo hai capito?

    ;-))



    Poliedro: Tendenzialmente adoro programmare ogni minima cosa: orari di partenza, tempi di percorrenza, programmi di viaggio... un po' come il personaggio interpretato da Carlo Verdone devo avere un programma che poi, irrimediabilmente, non rispetto mai. :-))



    Tarlo

    RispondiElimina