venerdì 6 gennaio 2006

LA BEFANA

LA BEFANA

"Dottore mi scusi se le ho chiesto di ricevermi d'urgenza,
ma oggi e' proprio un giorno molto triste e cupo... Quell'antipatica della
Befana, anche quest'anno, mi ha rubato la scena portandomi via l'affetto di
grandi e piccini.
Non avete idea di quale sofferenza psicologica io sia costretto a
sopportare in questa giornata.
Ebbene si, la Befana mi sta antipatica ed anche un po' sui ...oni.
Prima di tutto e' una gran rompiscatole: Ogni anno esce di casa urlandomi
di pensare alle pulizie e alla cena.
D'accordo dico io, vada per la preparazione della cena, ma come diavolo
faccio a pulire se quella vecchiarda bitorzoluta si porta via anche la scopa?
Inoltre sono anni che le chiedo di cambiare look, di comprare qualcosa di
più appropriato...che so un bel tailleur per esempio, oppure un bel
vestito sbrilluccicoso e magari farsi dare una bella "ripassata" dal
parrucchiere e dall'estetista.
In poco tempo questi professionisti la trasformerebbero in qualcosa di meno
simile ad un mitile racchiuso da conchiglie nere.
Ricordo quando l' ho conosciuta; era una bella sgnaccherotta con un fisico
niente male, ben vestita e curata generosa con tutti, dolce di carattere e
simpatica.
Ancora accettava di buon grado il mio lavoro e non soffriva di gelosia
dovuta all'attività lavorativa.
Il giorno della vigilia di Natale scendeva in garage e mi aiutava a
preparare renne e slitta poi, al momento di partire, un bacione sulla mia
bella e candida barba e via.....
Piano piano si e' lasciata andare, non voleva cambiare il suo vestito e con
l'andar del tempo e' diventata una vecchia ricoperta di stracci.
Poi ha smesso di aiutarmi nell'attività e con l'aiuto della fata del
dentino ha aperto la "Befana s.p.a" società per la gioia dei bambini.
Un chiaro e netto esempio di concorrenza sleale.
Per dimostrare quanto sia stata crudele e sleale vi faccio un esempio: la
vecchiarda avrebbe potuto distribuire doni a Ferragosto o in piena estate o
comunque in un periodo in cui i bambini non siano ancora preda delle
bellezze e della magia che il Natale trasmette.
Se avesse scelto una di quelle date estive, tutto bene, nessuno avrebbe
avuto da ridire, ma il suo "consulente marketing" (ancora devo capire cosa
diavolo se ne faccia di un consulente) le ha consigliato il 6 gennaio....
Sono passati ancora così pochi giorni... i bambini ancora potevano sognare
di me e pensare al mio pancione incastrato nella canna fumaria e
ripensare ai doni e ai dolci da me portati.
Inoltre tutti gli anni e' la stessa storia, appena e' pronta per partire e
dopo aver urlato con voce stridula di pulire e cucinare, se ne vola via; io
mi giro e trovo sul camino le sue calze piene di carbone e ancora non ne
capisco il motivo.
Dottore le sembra grave?"
Osservo la poltrona dello psicologo e la vedo vuota; il dottore e vicino al
camino; lo vedo intento a trafficare attorno ad una calza, mangia carbone
dolce e caramelle e si diletta con alcuni peluche... non mi rimane che
uscire dallo studio e raggiungere la slitta, sugli scivoli trovo una multa
"vietato far sostare animali e slitte".
Getto il foglio nella neve, incito le renne e me ne torno a casa, ma
tornerà il Natale e allora, tutti torneranno a guardarmi con rispetto e
con un occhio di riguardo, ma non solo: toccherà alla befana pulire e
nemmeno avete idea di quanto riescano a sporcare queste renne.

Babbo Natale


© 06 Gennaio 2002 by DANIELE TARLAZZI

5 commenti:

  1. Caro Babbo Natale, ascolta.

    Tu hai tutti i tuoi bei vantaggi sulla befana. Innanzitutto non ti devi scervellare su cosa portare ai bambini perchè loro ti scrivono una bella letterina fiduciosi, anzi certi della sua realizzazione... mentre di tua moglie hanno un forte timore, il carbone non piace ne' ai piccini ne' ai grandi, ai primi perchè se lo ricevono pensano di essere stati cattivi, mentre ai grandi spacca i denti. E a tutti fa venire la carie.

    Poi.

    Quando è la tua festa sono tutti a casa al caldo, si mangia e si beve... mentre alla festa della tua moglie siccome sono tutti stressati dalle feste, i grandi portano i piccini fuori perchè non ne possono più, affrontando traffico, parcheggi, pianti per la fila sulle giostre, etc...

    Per ultimo, la tua bella panzona ispira fiducia e simpatia, mentre tua moglie è talmente brutta che a Roma è un porta fortuna....peggio di lei non si può essere, quindi tutti ci riteniamo fortunati. Contento?

    RispondiElimina
  2. Grigietta: Ho Ho Ho... mi sento gia più rilassato... ;-)

    Babbo Natale

    RispondiElimina
  3. Auguri a parte (li odio) ti ho invitato sul mio blog a partecipare a un cosiddetto puttanesimo. Se ti va...

    RispondiElimina
  4. Bella storia...

    Secondo me ci stà di mezzo pure uno di quei Re magi che l'ha portata sulla cattiva strada!

    RispondiElimina
  5. Ochaurobora: ho gia partecipato al puttanesimo qualche giorno fa ;-)



    Rinoceronte: Potrebbe essere, occorre indagare... ;-)



    Tarlo

    RispondiElimina