mercoledì 28 dicembre 2005

Vita da eroe

(tratto da "Diario di un Tarlo qualunque" del 29 dicembre 2003)
Suona il campanello di casa, apro la porta.
Il postino "strabuzza" gli occhi ed ha un mancamento.
Chiude gli occhi, inspira ed espira un paio di volte poi, ripreso un colorito quasi normale mi chiede:
"Ma non ha caldo "bardato" così?"
Per voi forse non è normale aprire la porta vestito come un Esquimese? No? Allora siete fortunati, ma per meglio comprendere le motivazioni del mio vestire, credo occorra fare una premessa.
Ora, alcuni di voi ben conoscono le continue lotte che l'uomo è costretto a combattere.
Il primario desiderio dell'uomo è poter soddisfare la propria amata e proprio per questo cavalleresco motivo, "il prode cavaliero è pronto finanche a perdere la sua istessa vita per adempiere a questo compito"... e i nemici della coppia, si sa, sono tanti.
Innanzitutto è necessario difendersi dagli avanzi del pranzo o della cena lasciati sul piatto dalla nostra amata che, avendo uno stomaco grande quanto una formica, si accontenta di assaggiare qualche briciola.
Secondo voi è giusto che ella lasci abbandonata sulla tavola una "mezza chilata" di melanzane alla parmigiana?
Giammai! Per questo, evitiamo lo spreco, armandoci di forchetta e coltello evitando così che le delizie appena cucinate dal microonde vengano prontamente ospitate tra i rifiuti municipali.
Così, mentre le nostre amate donzelle perdono qualche chiletto, la nostra pancetta e le nostre maniglie dell'amore aumentano con la stessa costanza con cui aumentano tasse, bollette e benzina.
Ma il nostro è un atto di eroismo.
Siamo eroici anche nel dopo cena, quando il tramonto illumina la valle e la giornata volge al desio.
Il talamo nuziale ci attende invitante, bello, liscio, con le coperte ben rimboccate.
Il materasso sembra parlarci e, nel suo silenzioso parlare, ci assicura che passeremo una notte serena e piena di sogni piacevoli.
La nostra amata è lì, già quasi addormentata ferma ed immobile e le nostre palpebre non vedono l'ora di godere di un meritato riposo..., ma è proprio in questi momenti che inizia la guerra.
Non ha importanza il fatto che la vostra amata sia gia bellamente addormentata e sognante, sapete che nulla la sveglierà per le prossime ore...purtroppo per voi.
Si perchè quel tenero e dolce viso che amate guardare, in realtà non è che il volto dell'imperatrice delle "copertelenzuolapiumino".
A nulla serviranno le nostre lotte!
Ogni tentativo di riconquista di un lembo di "copertura" verrà contrastato con violenze inenarrabili.
Cosi', mentre il sangue inizia a scorrervi a "cubetti" nelle vene, non vi resta che una soluzione: Tuta da sci e sacco a pelo a mummia.
Non s'illuda il simpatico postino, prima o poi anche a lui toccherà combattere per conquistare sei millimetri di coperta e dieci di lenzuolo.
Non s'illuda l'impavido portalettere che, per pochi euro, sfida quotidianamente vento, caldo, gelo e pioggia.
Un giorno anche lui si innamorerà ed anche lui entrerà in camera da letto sperando che piumone e coperte riscaldino il suo corpo, ma non s'illuda il bravuomo: le coperte non riscalderanno mai il suo corpo.
Alcuni sondaggi mettono in luce il perchè l'uomo cambi le sue abitudini notturne con l'avanzare dell'età.
Non si tratta di un problema genetico, ma di vita di coppia.
Ecco spiegato il perchè si dorma benissimo nudi in giovane età, ed ecco spiegato il perchè nei primi momenti di convivenza, l'uomo inizi ad adattarsi ad indossare una canotta.
Il passaggio poi dalla canotta al pigiama è piuttosto rapido e se la vostra compagna ama ruotare ed avvolgersi nelle lenzuola, ecco perchè un giorno sarete costretti a passare dal pigiama alla tuta da sci.
Non illudetevi comunque, perchè i vostri sforzi non saranno mai tenuti in considerazione.
Non rinfacciatele mai che non avete potuto dormire perche' espropriati della vostra quota di coperte perchè l'imperatrice di "copertepiuminolenzuolo" che divide la notte con voi vi risponderà lesta: "Non hai dormito tu? Primo, le coperte potevi tranquillamente riprendertele (cosa che voi avete provato a fare senza successo per tutta la notte), e poi sono io a non aver potuto dormire! Tu e la gatta avete russato tutta la notte, ma qual'era la vostra intenzione? Fare un concerto in do maggiore per due tromboni? No perchè sia chiaro che non siete bravi musicisti e ho saputo che pure i vicini si sono lamentati dei rumori molesti che tu e quell'essere peloso emettete durante la notte!
Ma da domani si cambia, mi compro i tappi per le orecchie e risolvo il problema!"
Nemmeno rispondiamo all'attacco della nostra compagna perchè in fondo sappiamo che siamo eroi e gli eroi, è risaputo, soffrono e sopportano in silenzio. 

© 2003/2005 by Daniele "tarlo" Tarlazzi 

9 commenti:

  1. ma, daniele, insomma!!! :)

    RispondiElimina
  2. caro tarlo, da me quello che ruba le coperte sono io... e così mi tocca sopportare donna imbacuccata!

    Se volete fare un comitato...



    augurones in su tinto

    RispondiElimina
  3. Tirannoz: Oè compare, mica prendere sul serio tutto quel che scrivo... Anche se è tutto vero quel che scrivo a volte ci "ricamo" sopra... Ora che ci penso: "ricamo" e non so nemmeno tenere un ago in mano... questa cosa ha del miracoloso. ;-)



    Rinoceronte: Oioioiiii... allora la tua ragazza ben capirà il "dramma" da me descritto. Un comitato? Mica è una brutta idea. Fondiamo l' "A.V.I.C.C.C.R.C" (associazione vittime italiane contro coloro che rubano coperte) :-)

    Tarlo

    RispondiElimina
  4. se la tua donna mangiasse qualche grammo di parmigiana in più non avrebbe bisogno di tutto quel po' di piumone addosso....



    caro tarlo... nota la classe: che mica ho detto "se la tua donna avesse un uomo che di notte la tiene stretta tra le sue braccia, la protegge e le tiene caldo...." ;)



    ultima cosa:

    sai qual è il colmo per un tarlo?

    essere attaccato alle antiche credenze!



    ahahahahahah! :D

    RispondiElimina
  5. caro il mio don chisciotte, tieni duro, copriti e avanti con un'altra porzione di parmigiana:-)

    RispondiElimina
  6. ho la fortuna di non avere questo problema!....o forse sfortuna....mah...

    RispondiElimina
  7. Frogg: Effettivamente colei che utilizza la mia quota di coperte, mangia pochino...a meno che non ci siano in giro stuzzichini, dolcetti o cioccolata. Hai esposto molto elegantemente e con classe una teoria sulla quale... mi appello alla facoltà di non rispondere e mi appello ai diritti di difesa dei "fidanzati infreddoliti". Il colmo è pura verità: i Tarli (anche quelli umani) sono moooolto legati alle "antiche credenze" ;-DDD



    Allo: Beh, io più che a Don Chisciotte assomiglio a Sancho Panza ;-DDDD



    Grigietta: Fortuna o Sfortuna? Il confine a volte è molto sottile, ma per fortuna (o sfortuna) almeno c'è qualcosa di cui...sparlare :-DDDD

    RispondiElimina
  8. E' vero, dannatamente vero. Come si può sperare che i matrimoni perdurino nel tempo se sono così influenzati dalle variazioni termiche? E che dire dei "fantasmini" della mogliettina? I "fantasmini" sono quegli orrendi, antierotici,vittoriani calzini bianchi di lana che servirebbero per i piedi freddi( altro doloroso capitolo)...Oh, i bei tempi in cui si era sempre spogliati e felici di esserlo....

    RispondiElimina
  9. Sosso: Grazie di cuore per l'augurio che ricambio di cuore. Spero che il 2006 possa essere pieno di sorrisi e perchè no, anche di canzoni e gioie.



    Riccardo638: Giusto! Avevo dimenticato i "fantasmini"! Bei tempi quelli che descrivi... mi chiedo, ma cos'è che poi, che oltre alla lotta delle coperte, ci cambia a tal punto da "costringerci" a cercare e indossare dei pigiamazzi orrendi?

    RispondiElimina